Mi si è spezzato il cuore.

E’ stato un rumore sordo, forse: coperto dallo stridore di un treno sui binari.

La testa continua il suo ragionare lucido, implacabile e paradossalmente senza contegno.

Non ci sono inibizioni ora che il meccanismo è rotto.

Il tempo scorre, i treni marciano sui binari, uno dopo l’altro, poi un altro ancora.

Fa così freddo attorno.

Non batte più.

Resta che una parte del cuore
sarà sempre sospesa
senza fare rumore

(Arisa)

Annunci