Ho abbracciato una persona che piangeva per amore.

Ho abbracciato una persona che piangeva di dolore e che aveva paura.

E ho visto il cielo, uscendo, che piangeva.

“Perchè?”, gli domando. “A cosa stai pensando?”.

Ma lui non mi risponde, impenetrabile nel suo dolore. Sono le mie piccole braccia, che vorrebbero allargarsi tanto da avvolgere questa immensità, ancora una volta, per oggi.

Solo mentre rincorro in automobile l’emozione più bella della giornata, mi accorgo che anche il cielo ha ricevuto il suo abbraccio, di mille colori.

Dopo la pioggia, da qualche parte, non si sa come, è spuntato un arcobaleno.

E mi viene da piangere, guardando fuori dal finestrino.

Di felicità.

So I put my arms around you around you
And I know that I’ll be living soon

(E. Toffoli)

Annunci